Notizie
Caricando...

La nave di Ishtar di Abraham Merritt tra le novità fantasy di marzo di Fanucci Editore

Dalle sei del pomeriggio alle tre del mattino... 



Nove ore nel nostro mondo, il mondo del giovane archeologo John Kenton, l’America degli anni Venti

Eppure, quasi una vita nell’universo fantasmagorico creato da Ishtar e Nergal per farne il terreno di battaglia del loro scontro. 

Un uomo del XX secolo, tramite la potenza di un gioiello-simbolo, viene sbalzato in un’altra dimensione a vivere una nuova esistenza fatta di avventure, lotte, magie, fughe, rapimenti, amore e morte. 



Dai grattacieli e dal traffico caotico di New York alla nave stregata, alle città antiche di millenni, alle isole popolate da creature ignote e incredibili. 

Sul Vascello di Ishtar, perduto sulle onde fosforescenti d’un mare extradimensionale, si svolge lo scontro decisivo fra Sharane, sacerdotessa della Dea dell’amore e dell’odio, e Klaneth, sacerdote del Dio della morte. Sarà Kenton, il terrestre, l’elemento inatteso che romperà quell’equilibrio fermo da millenni: e la conclusione della lotta sarà inaspettata quanto il suo inizio.



L'autore

Abraham Grace Merritt, noto come A. Merritt (1884 - 1943), nacque nel New Jersey ma da bambino si trasferì con la famiglia a Philadelphia. Iniziò a studiare Legge e poi passò al giornalismo. Le sue prime pubblicazioni come autore risalgono al 1919 e da lì in poi divenne un autore molto popolare di romanzi horror, fantasy e di fantascienza. 

Il Vascello di Ishtar (The Ship of Ishtar) è universalmente considerato il suo capolavoro, romanzo che iniziò a scrivere solo per divertimento e che si rivelò poi un vero bestseller, con milioni di copie vendute. Nel 1938 divenne direttore della rivista di maggior successo durante la Depressione, The American Weekly, con un favoloso stipendio di centomila dollari l’anno. 

Fu un grande viaggiatore, alla ricerca di oggetti insoliti e libri da collezionare per la sua biblioteca privata che contava più di cinquemila volumi, di cui molti esoterici. A causa di un attacco di cuore, si spense in Florida nel 1943.

Articoli di Jimi Paradise

LEGGI ANCHE:

0 commenti :

Posta un commento