Notizie
Caricando...

Independence Day Rigenerazione: la nuova nave madre e le sue dimensioni

Con ben due mesi di (inspiegabile) ritardo esce anche in Italia il seguito di Independence Day, il film che 20 anni fa rinverdì il genere delle invasioni aliene



Resurgence racconta di una Terra che ha saputo sfruttare la tecnologia delle navi extraterrestri precipitate per prepararsi a un'eventuale seconda ondata


SPOILER


Ondata che, in effetti arriva, ma il mondo è cambiato: se nel 1996 i dischi volanti distaccati dalla nave madre si piazzano sopra le principali città del mondo (Roma compresa), in questo seguito di nave ne arriva una sola, ma ben più grossa: si tratta del Mietitore, la nave della regina dello sciame (vi dice qualcosa?) che arriva inca**ata del mancato raccolto.

Il mondo, dicevo, è cambiato, ma è cambiato anche Hollywood: bisogna strizzare l'occhio al nemico-amico cinese, pertanto abbiamo un'eroina e un generale con gli occhi a mandorla, e abbiamo un presidente donna alla guida degli Stati Uniti che si coordina con Russia, Giappone, Germania, Francia, bla bla... Quindi no, ragazzi: nemmeno in questo futuro vogliono un'Europa unita!

Non c'è nemmeno Will Smith, ma c'è invece un suo fantomatico figlio: figlio? Will è morto?? Dove, come, quando??? In compenso c'è un Hemsworth, purtroppo non Chris ma sufficiente a spruzzare un po' di ormonella qua e la... Ma finita lì!


La guerra del 1996: la Colony Mothership e i City Destroyers

Nel 1996, in coincidenza col giorno dell'indipendenza a stelle e striscie, uno sciame di dischi volanti entra nell'atmosfera terrestre e si piazza sulle principali città del mondo. Non sono i Visitors, anche perchè la loro carrozzeria è argento, ma questi altri alienacci non hanno obiettivi poi tanto dissimili: vogliono le nostre risorse!

La nave madre, chiamata Colony Mothership e lunga 596 chilometri, è il primo nucleo di uno sciame di avanscoperta formato da decine di City Destroyer, dischi del diametro di 25 km



La nave madre coi dischi volanti che si distaccheranno per distruggere le città terrestri nel film del 1996

La mitica scena dell'avvicinamento della nave madre di ID4 del 1996. Sotto, i sotto-dischi confrontati con le altre astronavi della fantascienza.



L'arrivo della regina: finora abbiamo scherzato, il Mietitore è il vero nemico!

Distrutta dai terrestri la prima ondata, gli alieni non si danno per vinti: una delle regine decide di riprovarci di persona: la sua nave, la vera "nave madre", è il Reaper (letteralmente "mietitore") un dischetto del diametro di 4750 km (quattro volte la lunghezza dell'Italia) che atterra sulla crosta del nostro pianeta causando notevoli disagi e non sto parlando solo dei parcheggi...

Prima dell'arrivo della regina riceviamo la visita di una sfera che fuoriesce da un varco dimensionale: si apprenderà poi che è una sorta di nave di salvataggio inviata da una specie superiore sconfitta da questi alieni e che ha creato un pianeta rifugio segreto per ospitare le razze minacciate dalle invasioni di sti bastardoni... MA DAVERO?!?! 

Distrutta la nave degli amici arriva la regina dei cattivi. Durante l'avvicinamento alla Luna capiamo che la sua limousine ha anche un dispositivo di occultamento... ESTIKAZZI! Tampona il nostro beneamato satellite e frena al limite dei giardini della Casa Bianca: NO, NON SA PROPRIO GUIDARE!

Mentre il Reaper comincia a succhiare energia dal nucleo terrestre l'attenzione della regina viene richiamata dal segnale della IA della nave degli "altri" alieni: ma scherziamo? Può ricavarci la posizione del pianeta segreto... Ecco allora che dal disco parte il Queen's Pod, un sotto-disco di 30 km di diametro col quale la regina fa i viaggi di piacere. E' proprio col Pod che si avvicina alla base nel deserto del Nevada dove gli americani tengono nascosta la IA: qui si svolgerà la parte finale del film che, ovviamente, non vi racconto primo perchè Hollywood è talmente originale che al finale non potreste mai arrivarci secondo perché voglio illudervi che è proprio questo il momento del film in cui compare Will Smith...



il dispositivo di occultamento del Reaper


l'onda elettromagnetica che disabilita i satelliti terrestri


il Reaper "tampona" la Luna


il Reaper visto da Parigi




il Pod in viaggio verso l'Area 51




la sonda degli alieni "buoni"

Vi presento Sua Maestà...








I Concept Art















L'arte di compralo:

Condividi su Google +

About Jimi Paradise

Jimi Paradise vuol dire gossip, celebrità, spettacolo... Ma anche Fantascienza!

0 commenti :

Post a Comment